venerdì 4 settembre 2009

Noi supereroi...


Siamo in tanti al mondo con la sindrome di Down, ma spesso chi non ci conosce bene ha dei preconcetti, ed è questo che secondo me spaventa i neo genitori quando viene data loro la notizia che il loro bebé ha la sindrome di Down.
Anche i miei genitori all'inizio erano un po' spaventati, poi però informandosi su libri e su internet si sono resi conto che il cromosoma che abbiamo in più ci rende in realtà speciali...un po' come i supereroi...non sono forse delle persone che hanno un potere in più, che tutti gli altri non hanno? Però per diventare veri supereroi abbiamo bisogno di tanto impegno, per esercitare i nostri superpoteri ci dobbiamo esercitare tanto, essere stiimolati, fare tanti esercizi.
Ma i risultati saranno eccezionali, io ne sono sicura!



Intanto io ho conosciuto le storie di altri supereroi come me sui loro blog, leggendoli alla mamma è venuta l'idea di creare questo blog. In particolare mi piace molto leggere le avventure di Hector, il supereroe (...ha anche il nome da supereroe!). Lui è un po' più grande di me ed è lui che mi ha svelato il segreto dei nostri superpoteri . Io dentro di me lo sapevo di essere speciale, ma grazie al suo blog alla mia mamma sono venute tante idee sui giochi da farmi fare per farmi crescere bene. Se capite il francese (io modestamente capisco senza difficoltà francese da papà, italiano dalla mamma e anche un po' di arabo!) date un'occhiata al suo blog : http://hectorzblog.blogspot.com






venerdì 28 agosto 2009

Il dromedario e il cammello

di Gianni Rodari

“Una volta un dromedario, incontrando un cammello,
gli disse: - Ti compiango, carissimo fratello:
saresti un dromedario magnifico anche tu
se solo non avessi quella brutta gobba in più.
Il cammello gli rispose: - Mi hai rubato la parola.
È una sfortuna per te avere una gobba sola.
Ti manca poco ad essere un cammello perfetto:
con te la natura ha sbagliato per difetto.
La bizzarra querela durò tutto un mattino.
In un canto ad ascoltare stava un vecchio beduino
e tra sé intanto pensava: - Poveretti tutti e due
ognuno trova belle soltanto le gobbe sue.
Così spesso ragiona al mondo tanta gente
che trova sbagliato ciò che è solo differente.”

mercoledì 22 luglio 2009

21 LUGLIO 2009



Alla mamma avevano detto che sarei dovuta arrivare il 31 luglio, quindi tutto era organizzato per quella data. Io e la mamma siamo andate in Italia per tempo (ah, giusto, forse non vi ho detto che noi abitiamo in Marocco, a Marrakech) e papà ci doveva raggiungere il 25 luglio, in tempo per vedermi nascere...e invece no!
Non ne potevo più di starmene nella pancia a testa in giù! E quindi il 21 luglio mi sono decisa...era ora di nascere!
Papà ha fatto del suo meglio ma è riuscito ad arrivare solo la sera alle 11, e io invece sono stata più veloce e sono nata alle 18.19!
IMG_2411a

Comunque alla nascita i dottori si sono accorti subito che avevo qualcosa di speciale...e dopo qualche giorno le analisi hanno confermato la sindrome di Down. Io sinceramente non me ne sono preoccupata più di tanto, per il momento l'importante era avere mamma e papà vicini...e soprattutto la tetta della mamma!!!
IMG_2394

C'era una volta...

Tutto ebbe inizio un giorno di novembre 2008...anche se all'epoca solo io lo sapevo. I miei genitori se ne sono accorti solo qualche settimana dopo, ma per incontrarmi hanno dovuto aspettare fino al 21 luglio 2009.

Ma diciamo che io ho cercato di farmi sentire anche prima, con calcetti alla mamma e ho addirittura posato per delle foto, per potermi far vedere da mamma e papà!

Luna -3mesiLuna -1mese
Già da prima di nascere i dottori hanno detto a mamma e papà che era possibile che avessi il famoso cromosoma in più. L'unico modo per esserne sicuri era fare un'amniocentesi, cioè infilare un'agone nella pancia della mamma e aspirare un po' del liquido che mi stava intorno...cercando di non pizzicare anche me! Dopo un po' di riflessione mamma e papà hanno deciso di rispoarmiarmi quest'analisi (puff! meglio così!) visto che tanto comunque stessero le cose si erano già innamorati di me (per forza! avete visto che fascino?) e mi volevano con loro a tutti i costi!

Eccomi qua!

Ciao a tutti,
mi chiamo Luna e pur essendo solo un bebè, la mia mamma ha deciso che dovevo anch'io avere il mio blog. Certo, all'inizio sarà la mamma a scrivere per me, ma vi assicuro che sono io a dirle cosa scrivere con la telepatia (per il momento mi riesce molto meglio che parlare o scrivere al computer...).
In questo blog racconterò la mia storia, che per molti versi è simile a quella di tutti i bebè, ma in realtà è un po' speciale, visto che sono nata con qualcosa in più degli altri bimbi, un piccolo cromosoma in più, cioè sono nata con la sindrome di Down.
Ecco quindi la mia storia...